EMERGENZE NEL CAVALLO

TERRANIMALIA BLOG | SOS CAVALLO

Nel cavallo la gestione delle ferite è una delle urgenze più frequenti in cui ci si trovi a intervenire, in particolar modo in estate, e sicuramente in misura più frequente che nel cane. Per prima cosa è bene saper distinguere i vari tipi di ferite, per avere le idee un po’ più chiare su come procedere e anche per descrivere in maniera corretta la lesione al veterinario che sia eventualmente chiamato ad agire.

Con “tagli” si intendono ferite a margini netti, di grandi o piccole dimensioni e soprattutto più o meno profonde. In generale, più che la dimensione, la profondità del taglio è quella che ne determina la reale gravità.

Solitamente il cavallo coagula abbastanza rapidamente ma nel caso in cui il sanguinamento sia profuso possiamo realizzare un bendaggio stretto (da lasciare in sede fino all’arrivo del veterinario) oppure - se la parte non è bendabile - con compresse di garza che colmino la lesione e generino appunto una compressione, che può e deve essere rafforzata da noi stessi almeno per i primi minuti.